Piscina in giardino: cosa considerare per realizzare uno dei sogni più ambiti

Quali sono i documenti necessari a fare una proposta di acquisto?
gennaio 14, 2022
Lavanderia in bagno o in una stanza separata?
febbraio 15, 2022

Da sempre, la “casa con piscina” è uno dei sogni più diffusi tra i proprietari di immobili con aree esterne.

Uno spazio dove rinfrescarsi, passare i pomeriggi estivi, organizzare aperitivi e grigliate, far giocare i più piccoli.

Ma se fino a qualche tempo fa il costo di realizzazione era spesso insostenibile, ad oggi esistono soluzioni anche a prezzi contenuti che possono rendere il nostro giardino uno splendido spazio con piscina.

Piscina interrata o piscina fuori terra?

Innanzitutto dobbiamo distinguere le piscine interrate dalle piscine fuori terra.

Nel caso la nostra scelta ricada sulla piscina interrata, il costo di realizzazione risulterà più impattante, in quanto in primis si dovrà procedere allo scavo e al movimento terra, per poi andare a creare la base della stessa piscina. Anche in questo caso ci sono più soluzioni disponibili sul mercato. Si può infatti procedere utilizzando il cemento armato, che ci garantisce robustezza e durabilità nel tempo, oppure utilizzare un prefabbricato, solitamente in vetroresina o PVC, meno costoso del cemento.

Se invece andremo a scegliere di realizzare una piscina fuori terra, ovvero posata senza scavi, avremo senza dubbio costi più contenuti.

Ad oggi anche le piscine fuori terra possono essere davvero di qualità ed esteticamente gradevoli, rivestite in legno di Tek o di altri materiali, con piattaforme e spazi dedicati all’utilizzo giornaliero, dove possono essere inseriti, per esempio lettini, tavoli, ombrelloni.

Quando si parla di “piscine fuori terra”, non dobbiamo quindi pensare alla classica piscina gonfiabile per bambini oppure a quelle strutture semirigide, che si sostengono con l’acqua all’interno, come quelle che si trovano nei grandi magazzini, per capirci.

Si tratta invece di strutture rigide e permanenti di altissima qualità e resistenza, che semplicemente non necessitano di scavi ma che vengono posate su supporti plastici o comunque su materiali destinati a durare nel tempo.

Quanto costa realizzare una piscina?

“Non è tanto l’acquisto quanto il mantenimento!”.

Quante volte hai sentito questa frase, che si parlasse di auto, di case o, in questo caso, di piscine?

Cominciamo però con i costi della realizzazione, innanzitutto.

Una piscina interrata, come dicevamo poche righe fa, ha un costo decisamente superiore.

Per scavi, struttura, filtri, finiture, si parte da un minimo di 15-20.000 euro per arrivare anche ad oltre 100.000 euro per piscine di dimensioni superiori ai 12 metri di lunghezza.

E’ chiaro che parliamo comunque di piscine davvero importanti che, oltre al costo di realizzazione, necessitano di spazi ampi in cui venire contestualizzate.

Per una piscina fuori terra, invece, si parte dai 5-6.000 euro per una piscina già di buona qualità, comprensivo di costo relativo alla posa e all’installazione, fino a 20-25.000 euro per una piscina di tipologia più importante.

A queste somme possono essere aggiunte cifre comunque variabili per finiture, ombreggiatura, eventuali siepi o recinzioni ecc..

Quanto costa mantenere una piscina?

Il costo relativo al mantenimento della piscina, come le spese da sostenere per acqua, prodotti, filtri, energia elettrica può essere stimato tra i 1.000 e i 2.500 euro annui, a seconda della dimensione, per un periodo che può andare dai 3 ai 6 mesi, a seconda anche della latitudine a cui andremo a installare la piscina.

Eh si, perché una piscina in Sicilia, sarà sicuramente sfruttabile – e quindi ammortizzabile – maggiormente della stessa installata in Trentino.

A meno che non si voglia installare un sistema di riscaldamento, ma questa è un’altra storia. 

Cerchi un immobile con giardino? Non esitare a contattarci!