Vivibilità ridotta, sicurezza, emergenza Coronavirus: ecco le cause dello svuotamento delle città

Casa in città: come cambiano le preferenze sull’abitazione durante il coronavirus
gennaio 13, 2021
Inquinamento: come cambia l’aria in città
febbraio 18, 2021

 

In un periodo come quello attuale, dove le restrizioni dei dpcm hanno limitato come mai prima le libertà di ognuno, lo spazio in cui si trascorre più tempo è senz’altro la casa. 

Le mura del proprio appartamento, però, possono risultare strette quando il tempo passato al loro interno raddoppia: un giardino o uno spazio verde – se prima potevano rappresentare ‘solo’ un vantaggio in più – ora sono in cima alla lista degli obiettivi, essendo visti come luoghi in cui prendersi una boccata d’aria, rendendo possibile uscire rispettando comunque le regole. 

È per questo che il mercato immobiliare ha subìto una rivoluzione, non tanto dettata dai prezzi medi il calo stimato per l’intero 2020 è nell’ordine dell’1-2% – ma piuttosto da quel che riguarda la qualità e le mete privilegiate negli acquisti. 

Una vera e propria richiesta di fuga dalle città, dunque, che se da sempre erano ricercate per le loro comodità e servizi, ora registrano uno spopolamento dovuto all’emergenza sanitaria.

Le grandi città hanno avuto un calo complessivo delle compravendite – nel 2020 – del 20-25% mentre a livello nazionale il dato medio atteso è di un – 18,7% (che corrisponde a 491 mila compravendite); prima che arrivasse la pandemia a rovinare le cose, le previsioni erano per un numero di rogiti pari a 612 mila.

Perché acquistare una casa nel verde?

È stata dunque la ricerca di case più grandi e più confortevoli, dato anche il lungo periodo passato dai più in ‘smartworking’ e quindi lontano dagli uffici, a far privilegiare la scelta del giardino. A fronte di un mercato in calo nelle grandi città, il numero di transazioni nell’hinterland, soprattutto al centro-nord, è cresciuto.

Se prima l’aspetto del ‘verde’ era messo in secondo piano da molti, ora – in una situazione anomala che nessuno si poteva aspettare – ha riacquistato il suo valore anche fra i più titubanti, che cercano di evadere da una vivibilità ridotta attraverso un escamotage valido come quello del giardino. 

Le preferenze si sono orientate verso località in cui a parità di spesa si possa prendere un appartamento con una stanza in più o con uno sbocco all’esterno. La tendenza è stata chiarissima nel periodo giugno-ottobre, poi le nuove restrizioni hanno portato di nuovo alla quasi paralisi del mercato. 

Questo potrebbe comportare una conferma di queste tendenze  anche nel periodo post- pandemia, avendo avvicinato molti cittadini agli spazi aperti e a prendere in considerazione un cambio di vita mirato a un trasferimento nel verde: ora più che mai le aree verdi rappresentano uno scorcio di libertà.

Se stai cercando un’abitazione, contattaci! Insieme troveremo la location e la soluzione migliore le tue esigenze.